15 febbraio, 2007

Pensiero metroquotidiano...














Ora sigaretta e poi scrivo...

Quando esci da certi posti e ti ritrovi in strada, hai sempre una sensazione strana. Oggi ho accompagnato un mio amico allo Sheraton, albergone quattro stelle (forse più?), stile super lusso, tanto per intendersi (giusto per chi non lo conosce).
L'emozione di disagio comincia quando entri. Tu: ragazzo incasinato, con la tua felpa con un grosso teschio stampato sopra, che puzzi di canna fumata due minuti prima col tuo amico vestito un po' meglio di te (ma che sembra sempre il secondo coglione nel posto sbagliato. NB: il primo sei tu!), giacca in velluto sformata a coste, jeans strappato che porti addosso da tre giorni perchè è l'unica cosa che ti è rimasta pulita (e pulita si fa per dire), le ALL STARS bucate e stinte (perchè non si dica che non le lavi) che porti da ore, mentre i piedi cominciano a farti anche male, con la barba lunga dato che non hai avuto voglia/tempo di rasarti negli ultimi giorni (quanti? Cinque? Sei? Una settimana?).
Il disagio continua mentre la tipa della Hall sta lì che maneggia con la carta d'identità sgualcita del tuo amico e lo cerca nel pc. In realtà l'ha già trovato da un paio di minuti, ma fa più figo far aspettare un po' le persone, serve a dare l'idea di rispetto snob che si respira tutt'intorno.
Il disagio continua mentre tu stai in disparte e guardi la valigia, con meno circospezione però, perchè lì non la frega nessuno, di sicuro non mister ricco portafogli in abito scuro (con tanto di cravattino nero) che ti passa accanto dolcemente accompagnato da miss culo perfetto (vedi anche tette rifatte e labbra al silicone) avvolto in abito da sera.
La temperatura nell'albergo è minimo sui 25° C, il che è perfettamente inutile, visto che bastarebbe il pensiero di quanto possa costare una notte solo nello sgabuzzino delle scope per far sudare. E poi, cristo, qui c'è gente ricca, il buco dell'ozono e l'inquinamento non sono problemi loro. Che cazzo, qui c'è gente che rimane bella per sempre grazie alla chirurgia plastica, qui c'è il paradiso del denaro, la democrazia governata dallo spreco, qui tutto ha un prezzo, qui nessuno ti guarda dall'alto in basso per il semplice fatto che qui nessuno ti guarda... a meno che non sappia che il tuo portafogli sia più gonfio del suo e con almeno un paio di VISA in più.
Su, rilassati, coglione. Non ti serve sentirti a disagio, tanto nel giro di mezzora sarai fuori da qui dentro, avrai riattraversato la porta automatica a vetri e i due pinguini che guardano l'ingresso ti augureranno comunque buona serata... non perchè a loro interessi, solo perchè li pagano. La cosa strana, per loro, sarà quando tu gli augurerai lo stesso e forse solo il fatto che tu rivolga loro la parola. E questo succederà per quel senso di disagio e la buona educazione che ti hanno insegnato i tuoi. La buona educazione non è abbastanza snob (ndr).
Poi la mente parte con pensieri in perfetto stile Cenerentola (vedi anche Pretty Woman e cazzate del genere), ovviamente al maschile. Cominci a immaginare miss belle tettine della hall, che invece di stare a gingillare con mouse e documenti d'identità, ha in bocca il tuo cazzo mentre ti augura dolcemente una buona serata. Che dolce scenetta.
Poi tu le auguri altrettanto mentre abbozzi un sorriso sospeso tra la malizia, un falso "mi scusi" e corrotta cortesia. Il tuo amico ha fatto un pensiero abbastanza simile.
E andate all'ascensore. E tu sei lì che lo accompagni in una di quelle stanze tutte uguali del terzo piano (ndr, lui è lì per lavoro e, tra l'altro, un lavoro da due soldi, giusto per alzare un po' qualche euro). Eppure anche quel lusso di basso rango ti fa sentire un po' VIP. Ti guardi intorno, giochi come un bambino che gioca a fare il nobile; giochi col tuo amico che fa il tuo stesso gioco.
Poi si fa tardi, ti ricordi che la metro chiude, che domani dovrai sbrigare un po' di cose, avrai da fare, che il tuo amico deve scendere a cena, che sei abbastanza fuori luogo, che sei stanco e avresti voglia di startene a casa tua che si trova dall'altra parte della città e che ci metti un bel po' ad arrivarci con i mezzi. Muoviti.
Scendi giù, ti fermi davanti l'albergo a fumare una sigaretta, seduto su sedie comode e imbottite. Respiri l'aria fredda esterna, l'aria che ancora resta lussosa e pesante tutto intorno, la sigaretta e l'aria di vita normale, in cui, malgrado tutto, hai una gran voglia di rituffarti.
Ed eccoti accontentato.
Niente auto lussuosa. Aspetti il treno della metro. La radio trasmette una di quelle canzoncine stile anni '30 o '40 (che cazzo ne sai tu, manco eri nato?), uno di quei pezzi che ti fanno pensare all'inverno quando è inverno e all'estate nella bella stagione, una di quelle canzoni da caminetto e luce tenue o da tramonto romantico e palme tropicali, un ritmo jazz tranquillo, che ti viene a paranoia se ascoltato tra le pareti grige e puzzolenti di una fermata grigia di metrò. Ti sei seduto proprio lì, sulle seggiole di plastica rovinata della banchina. Ti sei seduto in mezzo a 3 facce anonime che non si sono sedute al tuo posto (come qualche altra anima in pena che gironzola lungo il binario... manco meditasse di buttarsi sotto un treno...). Non ci si sono sedute perchè immediatamente di fronte a quel posto c'è una piccola pozzanghera d'acqua, formatasi dal gocciolare di acqua fetida... che potrebbe tranquillamente essere di fogna, magari piscio. E tu, invece, stanco, speri solo che sia la pioggia accidentale di qualche ora prima. E lentamente scivoli su quel sedile scomodo di plastica dura che non è per nulla anatomico come vorrebbero farti sperare, stando bene attento a non dover badare troppo alle gocce che cadono dall'alto. Ti tieni a distanza. E nel mentre ritorni ad affondare nella pozzanghera della della tua vita.
E intanto cominci a perderti con la mente, cominci a vagare nei tuoi pensieri.
Poi arrivano i vagoni marchiati col fuoco dei graffiti colorati.
Dentro c'è una di quelle studentesse tutta acqua e sapone, carina direi. Sta leggendo i suoi fogli d'appunti. Alza lo sguardo nel vagone semideserto, tu sei lì, seduto su uno di quei seggiolini scomodi uguali a quelli della banchina. Poi alza lo sguardo e ti scruta, fondamentalmente perchè, se ci pensi bene, sei l'unico italiano nel vagone e probabilmente l'aiuti a sentirsi a casa. Poi vede il tuo sguardo assonato e stanco un po' da tossico. Tu ti riprendi un po'. E invece di pensare: "potrei conoscerla", pensi: "ma che cazzo vuole questa?". E le fai lo sguardo da snob un po' scocciato e la cosa finisce lì, col suo vaffanculo mentale, che però ti arriva.
Poi ti metti a guardare un punto fisso sul pavimento mentre cominicia a venirti fame, che si mischia alla nausea che ti provoca l'odore di piscio/chiuso/aglio/sporco/sudore che si respira nella metro (e almeno non c'è tanta gente). Se poi aggiungi che l'autista del treno guida da cani e che odi sentire i freni stridere ad ogni fermata, le palle girano tranquillamente da sole. E sale un po' la paranoia. Un paio di cinesi (o che cazzo sono loro, a me sembrano tutti uguali) parlano ad alta voce. Ci bado poco.
Poi esco dalla metro (le scale mobili bloccate... che bello! Tanto un po' di misero moto non può che farmi bene. E si sale, gradino sopra gradino. Aria fresca, non pura, solo fresca. Per tutte le scale ho avuto paura che l'enorme grassone davanti a me mi rotolasse addosso. Sudi per due scale? Anche io, ma non faccio tutto questo casino e non mi lamento. Lui sarà ubriaco.
La stazione è piena di barboni (che muoiono come mosche nel freddo notturno), pusher, trans, puttane, qualche ragazzino che cresce troppo in fretta in mezzo alla strada, qualche figlio di puttana, un po' di gente che non vede l'ora di rinchiudersi nella sua tana, magari fare un bagno caldo e andare a dormire, un po' di gente "normale", gente che lavora. Tutte persone, che a modo loro, vivono.
L'autobus è lento mentre corre verso casa. Ho sonno, un po' di fame chimica e un gran bisogno di pisciare (causa freddo?).
Finalemente nella mia stanza. Caldo, abitudine, un buon letto. Casa dolce casa. Per quanto non sia lussuosa, per quanto non abbia la moquette di lusso e non sia pulita e disinfettata in stile ospedale (ovviamente sono sarcastico, dato la merda che si vede negli ospedali), per quanto non sia enorme e non abbia i tripli vetri per non sentire il traffico fuori, mi piace per come è. Mi piace perchè la sento mia, perchè non mi sento a disagio.

... Ora sigaretta e poi scrivo.

13 commenti:

sere-chan ha detto...

mio dio,quando ho iniziato a leggere non pensavo di poter imbarcarmi in un'impresa così ardua come un centinaio di pagine di post O_O' tanti complimenti per la voglia/costanza/pazienza/tempo libero...
:-D

durk ha detto...

L'ho detto e lo ripeto, i miei post si scrivono da soli... la mia testa è solo la scatola da cui vengono partoriti. Per ora non riesco ancora a contrallarli. Farò il possibile.

tantoxparlare ha detto...

Perchè dovresti? Scrivi bene! E poi la scrittura a volte è come un flusso di coscienza... Scrivi,scrivi!

durk ha detto...

Scriverò... almeno per ora. E grazie dei complimenti.

ArancioGrafica ha detto...

Il detto che dice "Casa mia, casa mia, per piccina che tu sia tu mi sembri una badia" non l'hanno mica sparato così, tanto per fare.. effettivamente, c'è ben più che un fondo di verità. Ci sono le tue cose, il tuo odore, ci sei tu dentro. E' questo che spesso la rende preferibile anche alla migliore stanza del migliore albergo. Specie se devi viverci.

P.S: Ti ringrazio per i complimenti sul mio blog.. ci sono un sacco di scazzature dietro tutto il lavoro che faccio, e sapere che qualcuno lo apprezza è sempre un piacere.
E ti ringrazio anche per il link..!

durk ha detto...

Sagge parole.

Per quanto riguarda il tuo lavoro (IL CALENDARIO SUL MIO BLOG E' PRESO DALL'OTTIMO LAVORO DI ARANCIOGRAFICA), penso sia doveroso fare in modo che anche gli altri lo possano apprezzare. Il buon lavoro va sempre rincompensato... almeno è quello che mi hanno sempre detto, anche se al giorno d'oggi non sempre è così.

Fabio Marzo ha detto...

Mi perdo tra le tue righe e dopo qualche secondo sono già l'interprete delle tue scene. Parlo in prima persona con le tue parole e sento il fumo della tua sigaretta nella mia bocca. Dovresti scrivere ragazzo, ma scrivere sul serio.

durk ha detto...

Wow, quasi quasi mi fai commuovere. Grazie. Fa piacere che le ore a scrivere sotto dettatura della mia mente siano apprezzate.

Comunque, non fumare che fa male.

A.C.XX ha detto...

Così è più corto,se no sai che palle a scrivere ogni volta Aspirante coscienza femminile...ebbene,lo sai, trovo che ci voglia una certa efficacia ed aspirazione nichilista per raccontare il nostro oggi destrutturato,deideologgizzato,tritato nei mille luoghi comuni dominanti,imperanti,invadenti...lo sai,trovo che in parte stia cominciando ad appartenerti questa necessità di critica...l'empiria cha ci circonda sempre più soffoca la metafisica a cui tutti dovremmo aspirare[per i cultori della materia omnibus omnia omnino, è questo il propulsore del mondo,spero]

durk ha detto...

Senti, io mi faccio le canne, ma tu esageri figlia mia, già sono disturbato io, con una coscienza come te, dove finirò?

E soprattutto, mi chiedo, ma che cazzo hai detto? XD

Anonimo ha detto...

like gambling? care las vegas? deed the all fortune [url=http://www.casinolasvegass.com]casino[/url] las vegas at www.casinolasvegass.com with beyond 75 in manumit [url=http://www.casinolasvegass.com]online casino[/url] games like slots, roulette, baccarat, craps and more and procure clay a mastery in unerring notes with our $400 excitable bonus.
we be affliction with unbroken politic games then the superannuated online [url=http://www.place-a-bet.net/]casino[/url] www.place-a-bet.net! few more free casino games and free [url=http://www.2010-world-cup.info]casino bonus[/url] you can find at the 2 new [url=http://www.buy-cheap-computers.info]casino[/url] guides : www.2010-world-cup.info and www.buy-cheap-computers.info .

Anonimo ha detto...

Online guitar lessons are a great way to learn guitar. Cheaper and more convenient than private studio lessons, the technology is now at a point where the difference in quality is nonexistent and actually has many advantages.
[url=http://www.goarticles.com/cgi-bin/showa.cgi?C=2514060]Online Guitar Lessons[/url]

Anonimo ha detto...

This might be a bit off-topic but I believe there are a lot of smokers here on www.blogger.com. I have recently decided to find a good manufacturer of e-cigarettes. I'm done with paying so much for tobacco smokes.A friend recommended [url=http://www.insanereleases.info/greensmokef.html]G Smoke[/url] According to their website this is how they described their product:
"Green Smoke offers quality Electronic cigarettes with spendable cartridges that produce the highest smoke volume in the industry. With a variety of flavors and nicotine levels, Green Smoke's™ patented technology offers convenience and exhibit performance that is unmatched. G Smoke products have been independently tested for safety."
I'm thinking of buying them. Anyone else have experience with this e-cigarette?